Satsang 1


Firenze, Febbraio 1983

D. Come si può riconoscere il proprio guru esteriore?
Paramahamsaji: Quando siete alla ricerca di qualcosa, potete sicuramente realizzare il vostro guru esteriore. C’è un rapporto invisibile tra guru e discepolo. Quando avete fede, potete riconoscerlo subito.

D. Quando una persona viene da te, ricevi sensazioni negative e positive riguardo il suo carattere e la sua salute?
Paramahamsaji: No, perché vedo la divinità in chiunque viene da me. Ogni volta che venite da me, io mi metto in contatto con la vostra divinità, e grazie a questo sono in grado di comprendere i vostri problemi.
Molti anni fa potevo farlo e lo facevo, ma poi ho capito che non era una buona pratica. Perché devo reagire alle vibrazioni negative di qualcuno? Nessuno è totalmente negativo. Ognuno ha una scintilla di luce e noi dovremmo vedere quella luce.

D. Quando una persona prova un senso di vuoto e solitudine nella vita, cosa può fare per trovare la forza di continuare?
Paramahamsaji: Questo è il problema dell’Occidente. Partecipate a lezioni di yoga. Partecipate a seminari di yoga. Create una fratellanza di persone che hanno un’attitudine spirituale e, di tanto in tanto, incontratevi. Praticate il vostro sadhana e leggete i libri di persone illuminate.

D. Vorrei qualche altro chiarimento su come praticare la pulizia del naso e se cura i polipi. Io sono stato operato due volte.
Paramahamsaji: La pulizia del naso può essere fatta con acqua, con un catetere, con olio, con burro fuso e con acqua fredda. Si dovrebbe imparare da un insegnante che può dirvi cosa va bene per voi. Nei polipi, anche se sei stato operato due volte, neti kriya è molto utile.

D. Swamiji, cosa pensi dell’aborto nelle prime settimane dal concepimento?
Paramahamsaji: Sino a due mesi, va bene perché non è un’altra vita. Dopo due mesi è meglio di no, perché state interferendo con un’altra vita. Ma anche nei primi due mesi non si dovrebbe fare. Non va bene per la salute della donna.
Io non sono un puritano. Sto parlando da un punto di vista scientifico. Nei primi due mesi l’embrione è come un tumore. Dopo due mesi è un’altra persona, un’altra vita. Un’altra anima è entrata in voi. Non avete alcun diritto su di essa, ma ognuno deve prendere le sue decisioni. Io non sono un’autorità a riguardo.

D. I miei occhi diventano rossi e lacrimano spesso; talvolta mi sembra che dentro ci sia sabbia. Io faccio già neti ogni mattina. Cos’altro c’è da fare?
Paramahamsaji: Elimina la costipazione. Pratica kunjal kriya e concentrati sulla fiamma di una candela.

D. Se ho il naso storto perché l’osso è storto, è possibile che il mio carattere cambi poiché non c’è equilibrio tra le due nadi?
Paramahamsaji: Fa poca differenza, ma se pratichi sutra neti, ti aiuterà molto e, allo stesso tempo, se c’è qualsiasi miglioramento o intervento che può essere fatto con la chirurgia, dovrebbe essere fatto.

D. La pulizia dello stomaco può curare la psoriasi? Come deve essere fatta?
Paramahamsaji: Per la psoriasi vanno bene due pratiche. Una è kunjal kriya, l’altra e shankhaprakshalana. La pratica di shankhaprakshalana dovrebbe essere protratta per molti giorni in una versione ridotta.

D. C’è una pratica per curare la miopia?
Paramahamsaji: Trataka su un punto nero.

5jpgD. Qual è la relazione tra mantra e yantra? Come possiamo scegliere uno yantra e, se ci concentriamo sul nostro ishta devata, abbiamo bisogno di un mandala?
Paramahamsaji: Ishta devata e mandala sono lo stesso. Lo yantra dovrebbe essere scelto con la guida di un guru. C’è sicuramente una relazione tra mantra e yantra. Ogni mantra ha uno yantra ed ogni mantra ha un ishta devata. Potete scegliere o lo yantra o lo ishta devata. Ishta devata e mandala sono lo stesso.

D. È necessario concentrarsi sullo ishta devata o sullo yantra mentre si ripete il mantra?
Paramahamsaji: Quando vi concentrate sul mantra, potete concentrarvi anche sullo ishta devata. Il mantra può essere praticato sia con la concentrazione che senza concentrazione ma, all’inizio è meglio farlo senza concentrazione. Quando avete molta pratica nel mantra, allora potete farlo con la concentrazione.

D. Hai detto di non reprimere i pensieri. Può essere positivo sostituire i brutti pensieri con quelli buoni?
Paramahamsaji: Sì, potete sostituire i pensieri negativi con pensieri positivi, e quando non è possibile, allora dovreste osservare i vostri pensieri. Potete provare in entrambi i modi.

D. Ci puoi parlare del bhakti yoga?
Paramahamsaji: Bhakti yoga è un modo per deviare le vostre emozioni dal terreno al Supremo. Voi amate le cose del mondo. Avete attaccamento per molte cose. Avete amore per i vostri figli e la famiglia. Allo stesso modo, dovete amare Dio e dovete attaccarvi a Dio. Quello è bhakti yoga. In bhakti yoga dovete dedicare voi stessi al ricordo di Dio.

D. Come si pratica antar mouna?
Paramahamsaji: Ve lo dirò in breve. Ti siedi. Ascolti tutti i suoni che arrivano. Diventi consapevole di tutti i suoni intorno a te. Questa è la prima pratica. La seconda pratica è essere consapevoli di cosa si sta pensando. Così qualunque pensiero vi venga alla mente, voi lo vedete. Continuate a praticare in questo modo. Il resto lo dovrete imparare dal vostro insegnante.

D. Swamiji, durante la pratica di hatha yoga, io sento spesso una differenza tra il lato sinistro e il destro. Talvolta un lato sembra più lungo o più grande. Questa mattina il lato destro è quasi scomparso nel sinistro. In halasana, quando porto le gambe dietro verso il pavimento, sembra ci voglia molto tempo e questo mi tormenta. Io ho la sensazione di cadere lungo una collina. Quando le gambe raggiungono il pavimento, mi sento molto stanco fisicamente, ma felice di averlo fatto.
Paramahamsaji: Questo significa che non dovresti fare halasana perché, secondo me, halasana ti crea uno squilibrio nel ritmo pranico. Quando percepisci un lato più grande e l’altro più piccolo, c’è uno squilibrio nel rapporto ida-pingala e questo significa anche che dovresti praticare correttamente nadi shodhana pranayama.

D. Mi piacerebbe sapere cosa pensi della religiosità dello yoga. Qual è il rapporto tra religione e yoga?
Paramahamsaji: Lo yoga è un germoglio del tantra e non ha alcuna base nella religione. Nella religione c’è Dio, in yoga non si parla di Dio. È essenzialmente una scienza per il benessere fisico e mentale e dunque puoi utilizzare lo yoga per la tua evoluzione personale.
Naturalmente, ci sono molte persone che praticano yoga come fosse una religione, va bene. Un Hindu può praticare, un Mussulmano o un Cristiano possono praticare yoga, ma devono ricordare che lo yoga è una scienza e non una religione e c’è sempre una differenza tra scienza e religione.

D. Quanti metodi esistono per risvegliare la kundalini? Puoi parlarci di saha-maithuna?
Paramahamsaji: Maithuna significa rapporto. Saha significa insieme, in comunione. Quando tenete rapporti insieme e in comunione, è detto saha-maithuna. Questa è una pratica tantrica molto antica. Non ve ne parlerò perchè questo non è il pubblico giusto. Nei paesi occidentali, gli Gnostici ne parlano e molti lo praticano. Ci sono molti modi di risvegliare la kundalini. Il pranayama è il metodo più potente per risvegliare kundalini. Hatha yoga è un metodo per risvegliare la kundalini. Anche il raja yoga, nel quale sospendete il vostro respiro per qualche tempo, è un metodo per risvegliare la kundalini. Anche cantare kirtan e mantra. Dunque ci sono molti modi di risvegliare kundalini. Anche saha-maithuna.

D. Qual è il ruolo della donna nel tantra e nell’evoluzione spirituale dell’uomo?
Paramahamsaji: Nel piano universale, la donna è shakti. Lei è la controparte attiva dell’uomo e questo è il motivo per cui lei è legata all’uomo dalla forma di matrimonio sociale. Fisicamente si assomigliano, ma sono diversi poli di energia. I loro rapporti reciproci sono spirituali. In forma di madre o di sorella, o di moglie o di figlia lei rappresenta shakti. Perciò, nel tantra, entrambi sono considerati uno. Il lato destro di Shiva è maschile e il lato sinistro è femminile. Il lato destro è pingala e il lato sinistro è ida. Perciò nel tantra c’è una tradizione di ricevere l’iniziazione dalla madre. Questa è praticata ancora in certe parti dell’India e c’è anche una tradizione di ricevere l’iniziazione dalla moglie.
Nel tantra, il rapporto fisico tra i due è considerato spirituale, perché è tramite maithuna o interazione sessuale che avviene il risveglio della kundalini. Le persone materialiste non lo capiscono. Per loro l’interazione sessuale è solo per il piacere, o solo per la procreazione, ma c’è un significato più profondo. Il comportamento sessuale è stato progettato dalla natura, e tutti dovrebbero capirlo bene. Il comportamento sessuale non è stabilito dall’uomo. Il comportamento sessuale non è stabilito dal governo. È una legge naturale ed il suo scopo è il risveglio.
In ciò, la donna gioca un ruolo dominante. In una società spirituale è la donna che svolge un ruolo dominante. Nella tradizione tantrica ci sono molte pratiche destinate a questo scopo, ed il rapporto sessuale tra i due è un’arte perfetta. Non è passione, non è sensualità, è spiritualità. Quando si è raggiunta la concentrazione della mente, quando le passioni sono sconfitte, allora maithuna diventa un metodo di risveglio.
Nello schema dell’evoluzione spirituale dell’uomo, la donna è più importante e sarete sorpresi di sentirmi dire che il primo creatore dell’universo è una donna e non un maschio. Nella vostra religione Dio è un uomo, un Padre, ma non è vero. L’energia primaria, il Creatore originario, è una donna. Lei è il grembo dell’intera creazione ed è da lei che sono nati gli altri dei. Questa è una cosa molto importante che tutti devono capire ed è in questo senso che, nel tantra, la donna è considerata superiore. Questa è una scienza molto importante e dunque tutti dovrebbero studiarla.

D. Alcuni dicono che il tantra è nato in Egitto e poi portato in India. Altri dicono l’opposto. Chi ha ragione? È vero che la civiltà Egizia era tantrica?
Paramahamsaji: È molto difficile rispondere a questa domanda. Che il tantra sia nato in India è evidente dai libri disponibili. Che il tantra sia nato là è evidente dalla sua cultura. Che il tantra sia nato in India è evidente perché al giorno d’oggi, solo l’India sostiene il tantra. Tutte le altre culture e religioni si esprimono contro il tantra.
Il tantra è essenzialmente matriarcale. Tutte le altre religioni al mondo sono patriarcali. In India le religioni sono matriarcali. Noi adoriamo Durga, Kali, Lakshmi, Mahamaya. C’è qualche altra religione al mondo in cui si adora la donna? Dunque, sicuramente, il tantra è scaturito dall’India.
La cultura Egiziana è molto antica. La cultura Hindu, la cultura Egizia, la cultura Cinese sono molto antiche. C’è stato un periodo in cui il tantra è stato praticato in Egitto, ma lì non poté sopravvivere. Fu distrutto dalla società. Fu distrutto dall’invasione romana. Non vi offendete. Fu distrutto anche da molte culture d’invasione.
Ci sono due differenti tipi di religione: matriarcale e patriarcale. In quella matriarcale ha la supremazia la madre, la donna. In quella patriarcale ha la supremazia il padre, l’uomo. Le religioni giudeo-semitiche sono patriarcali, l’Islam è patriarcale, il Cristianesimo è patriarcale. L’Induismo è matriarcale. Allora, da ciò potete capire da dove ha avuto origine il tantra. Una volta il tantra era prevalente in tutto il mondo. Anche i Celti, prima della cristianità, praticavano il tantra, e anche nelle culture sud-americane degli Aztechi e degli Incas praticavano il tantra. Questi tantrici sono vivi ancora oggi in occidente. Essi sono conosciuti come Gnostici. Gli Gnostici, tutt’oggi, parlano di tantra.
La corrente del tantra è molto potente e la tradizione del tantra ha influenzato la società occidentale. La società occidentale, il modo in cui è, non è influenzata dal cristianesimo. La vostra religione è il cristianesimo, e va bene. Nessuno può negare che voi siate cristiani, ma il vostro modo di vivere, la vostra cultura sociale, non è come per il cristianesimo. I principi del cristianesimo sono diversi dalla vita che conducete. Se pensate profondamente, sarete d’accordo con me. Il vostro comportamento sociale è influenzato dalla tradizione tantrica, che avete ereditato dalla cultura celtica e questa è una cosa molto importante, che le ricerche degli studiosi hanno osservato.
Il temperamento psichico degli occidentali non è un contributo del cristianesimo. Il cristianesimo è una religione lineare, chiara. Essa parla di purezza, parla di permanenza, e che vita state conducendo? Perciò il tantrismo si adatta meglio agli europei e se essi seguono il sentiero del tantra, ci saranno meno problemi mentali. Veramente pochi dovranno andare negli ospedali psichiatrici, perché c’è uno scontro continuo tra la vostra fede religiosa e la vostra tradizione. Anche il dottor Sigmund Freud era influenzato da questa tradizione tantrica e questo è il motivo per cui ha basato la sua psicologia su questo principio.

D. Quale metodo di controllo delle nascite suggerisci, tra i metodi yogici? Ci sono dei modi per bloccare l’ovulazione?
Paramahamsaji: In yoga ci sono molti modi per praticare il controllo delle nascite. La prima pratica è il non eiaculare. Per questo dovete praticare vajroli kriya. In secondo luogo dovete praticare viparita karani mudra. Praticando viparita karani mudra, potete controllare la produzione di sperma e quando praticate viparita karani mudra, ciò può bloccare temporaneamente l’ovulazione. Terzo, aiutano anche siddhasana e siddha yoni asana. Queste due asana dovrebbero essere praticate a lungo.
Ma nel tantra c’è un altro modo di controllo totale delle nascite. Esso è chiamato amaroli. Amaroli è bere la propria urina. Non è così cattiva come il vino! Lasciate che ve ne parli, non importa se non la bevete. L’urina contiene molti ormoni. Sono stati fatti degli esperimenti. Un ormone importante che essa contiene è conosciuto come urochinasi, e questo ormone è molto buono per bloccare gli attacchi cardiaci. Un altro importante ormone è la prostaglandina. Quest’ultimo uccide l’ovulo nell’utero e si ottiene così il controllo delle nascite. Ho scritto un libro a questo riguardo. Non c’è in italiano, è in Inglese e Indi ed è un manuale di ricerca. Sulla pratica dell’assumere la propria urina sono state fatte molte ricerche.7jpg

D. Ho letto dell’esistenza di due canali sottili oltre sushumna, sono vajrini e chitrini. Mi puoi dire qualcosa a riguardo? Cos’è il cancello di Brahma, situato alla base del chitrini? Gradirei anche spiegazioni su kanda.
Paramahamsaji: In hatha yoga e nel tantra si parla di 72.000 nadi. In alcuni libri parlano di circa 130.000 nadi. Tra queste dieci sono importanti. Tra queste dieci, tre sono considerate supreme. Queste tre nadi sono ida, pingala e sushumna. Ida fluisce sul lato sinistro, pingala sul lato destro e sushumna al centro. Ida nadi trasporta l’energia mentale, pingala nadi trasporta l’energia pranica e sushumna l’energia spirituale. Sushumna scorre al centro della colonna vertebrale.
Nadi significa canale È attraverso la nadi che fluisce l’energia. Proprio come l’elettricità fluisce attraverso i cavi, queste energie scorrono attraverso quei canali. All’interno di sushumna ci sono due canali molto sottili, essi sono conosciuti come vajrini e chitrini. Essi sono così sottili che se ne può fare esperienza solo in samadhi profondo o in meditazione profonda e sono connesse direttamente con sahasrara chakra.
Sahasrara è alla sommità della corona della testa e nella corona c’è una piccoli cavità. Essa è detta la cavità di Brahman. Queste nadi sono connesse con quella cavità e con la base, sono connesse con lo scroto. Lo scroto è conosciuto come kanda. Kanda letteralmente significa radice bulbosa o nodo. Questo kanda è presente nel corpo dell’uomo, nei testicoli, e nel corpo della donna, nell’osso sacro dietro la cervice. È una ghiandola molto piccola, una pallina molto piccola. Dunque, questa è la sede di muladhara chakra. Questa è la sede di kundalini shakti, ed è da lì, durante il risveglio yogico, che lei si muove e passa attraverso sushumna, vajrini e chitrini. Poi, in fine, arriva a sahasrara chakra con l’illuminazione.
Vi suggerirei alcuni libri da leggere sull’argomento: Hatha Yoga Pradipika, Maha Nirvana Tantra e Devi Bhagavatam. Devi Bhagavatam è un libro che parla della magnificenza di Shakti e lì queste cose sono ben spiegate in dettaglio. Devi Bhagavatam è in sanscrito ed è tradotto in inglese.

D. Come possiamo capire che la via che tu indichi è quella giusta? Ce lo può dire solo il nostro cuore? È vero che si possono raggiungere la vetta più alta in diversi modi? Io non mi sento trascinata in questo modo.
Paramahamsaji: Il sentiero dello yoga è soggetto a sperimentazione. Non dovete accettarlo. Dovete usare il vostro raziocinio. Nello yoga è stato fatto un notevole lavoro dagli scienziati. Gli effetti di yogasana e pranayama, sono stati sottoposti a indagine scientifica ed hanno dimostrato risultati positivi. Sono stati condotti esperimenti sugli effetti del mantra. Sono stati condotti esperimenti sull’esito degli yantra ed hanno scoperto risultati positivi.
Ora stanno lavorando sugli effetti della meditazione. Come influenza il cervello? Come influenza tutti gli altri sistemi del corpo? Tutto questo sta procedendo e gli scienziati sono giunti ad una sorta di conclusione che lo yoga è una scienza benefica e attendibile. In molti paesi stanno lavorando su esperimenti scientifici. Così, per quanto riguarda le prove scientifiche, dovete accettare lo yoga.
Ora, per quanto riguarda la vita spirituale, per quanto riguarda il sentiero di luce, ci sono abbastanza prove riguardo lo yoga. In tutta la nostra storia, lo yoga ha prodotto persone illuminate, e questa è la prova e da questo potete capire che la via dello yoga è la via giusta. Non c’è alcun dogma in questo, nessun settarismo, nessun obbligo, e se volete praticare raja yoga, fatelo. Se credete in Dio, praticate bhakti yoga; se credete nel raziocinio, praticate gyana yoga; se credete nel misticismo, praticate kundalini yoga; se credete nell’umanitarismo, praticate karma yoga. Dovete scegliere la via giusta per voi. Le insegne sono già lì.
Ci sono molte persone che non vogliono praticare bhakti yoga, perché non credono in Dio. Molti non vogliono praticare raja yoga perché non sono mistici. Essi non vogliono imparare l’autocontrollo, vogliono contemplare. Fategli praticare gyana yoga. Anche con un processo di pensiero potete giungere a realizzare la verità, ma non tutti possono farlo. Ci sono persone a cui piace solo fare karma yoga.
Quindi la via dello yoga è la via giusta perché tiene aperte molte porte per ognuno. Se non credete in niente, allora praticate hatha yoga. Perlomeno vi darà una buona salute. Praticate almeno pranayama, vi darà ossigeno a sufficienza, eliminerà l’anidride carbonica. Dovete praticare yoga a seguito di un adeguato ragionamento. Non dovete farlo perché lo dico io.